OADI Malta

A cura di Roberta Cruciata

 

All’Università di Palermo si parla di Arti Decorative Maltesi

“Neoclassical Silver for the Church in Malta Works from Rome, Sicily and Paris” è il titolo della lezione che il Dr Mark Sagona, Visiting Lecturer del Department of Art and Art History dell’Università di Malta, terrà martedì 24 ottobre 2017 dalle ore 12 presso l’aula “Dipartimento Culture e Società” VIII piano Ed. 15 in Viale delle Scienze.

Il Dr Sagona, che è anche un affermato artista in ambito internazionale, si occupa prevalentemente di arti decorative del XIX e dell’inizio del XX secolo.

La partecipazione è libera.

21


Conferenza sull’oreficeria maltese all’Università del Minnesota

Venerdì 13 ottobre 2017 alle ore 16.30 Francesca Balzan, Curatore di Palazzo Falson Historic House Museum, terrà una conferenza dal titolo A History of Jewelry in Malta: Trade, Traditions, Quirks and Quandaries all’Università del Minnesota, Heller Hall 1210.

L’evento pubblico è gratuito.

20


Edizione commemorativa di Treasures of Malta

Nel nuovo numero di Treasures of Malta (No. 69, Summer 2017, Vol. XXIII No.3) dedicato ai 10 anni di Palazzo Falson Historic House Museum tanto spazio è dedicato alle arti decorative custodite in questa ricca casa-museo.

19

ARTICOLI

Olof Frederick Gollcher: The heart and soul of Palazzo Falson

Francesca Balzan

Palazzo Falson: Ten Years Young

Francesca Balzan

Olof Frederick Gollcher and the International Institute for Mediterranean Archaeology

George E. Camilleri

Antique Silver at Palazzo Falson

Alaine Apap Bologna

A Favourite Painting at Palazzo Falson

Martin Royalton-Kisch

The O.F. Gollcher Art & Archaeological Foundation and Palazzo Falson

Anthony Pace

The Tale of a Fan

Helene Alexander

Captain Gollcher’s Collection of Furniture

Joseph Galea-Naudi – Denise Micallef

Melitensia Curios

William Zammit

Il-Maltija – The Maltese National Country Dance

Anna Borg Cardona

The Carpet Collection

Jennifer Wearden

The Watch Collection

David Thompson

The Collection of Arms and Armour of Olof Gollcher: Reviewing the collection twenty years later

Robert Attard

Palazzo Falson’s Coin Collection

Joseph C. Sammut

The Coats of Arms in the Sale Nobili of Palazzo Falson

Anthony Azzopardi

Per ulteriori informazioni:

http://www.patrimonju.org/content.aspx?id=114410&subId=114410


Malta Land of Sea: coralli siciliani in trasferta a Bruxelles

Dal 17 febbraio al 28 maggio 2017, in concomitanza con il semestre maltese di Presidenza del Consiglio dell’Unione europea, al BOZAR di Bruxelles è possibile ammirare la mostra “Malta Land of Sea”, curata da Sandro Debono (Senior Curator MUZA – Heritage Malta).

La mostra riunisce circa 60 opere eterogenee (arti decorative, dipinti, stampe, manoscritti, fossili, armi, etc.) che coprono un arco temporale che dall’epoca preistorica giunge a quella contemporanea. La coesistenza delle diversità culturali è il fondamento dell’identità maltese, diretta conseguenza della sua posizione strategica in mezzo al mare Mediterraneo che nei secoli ha richiamato una moltitudine di civiltà. Queste interazioni, tutte preziose e uniche, hanno contribuito alla formazione dell’attuale paesaggio culturale maltese. In quest’ottica sono da considerare anche le relazioni con la Sicilia.

Saranno esposti a Bruxelles due straordinari manufatti realizzati da maestranze trapanesi: un albero di corallo da tavola databile agli anni 1565-1575 proveniente dal Museo della Cattedrale di Mdina e un ostensorio in corallo, rame dorato e smalti policromi successivo al 1655, con la medesima provenienza (per i quali cfr. R. Cruciata, Intrecci preziosi Arti Decorative Siciliane a Malta 1565-1798, prefazione di M.C. Di Natale, premessa di M. Buhagiar, saggio introduttivo di M. Vitella, “Quaderni dell’Osservatorio per le Arti Decorative in Italia Maria Accascina”, 5, collana diretta da M.C. Di Natale, Plumelia Edizioni, Palermo 2016, pp. 141-142, 144-145).

MALTA LAND OF SEA

BOZAR – Centre for Fine Arts

Rue Ravenstein 23

1000, Bruxelles

17 Febbraio 2017 – 28 Maggio 2017

Martedì – Domenica h 10.00 – 18.00

Giovedì h 10.00 – 21. 00

Ingresso €10 – 8  (BOZAR FRIENDS)

info@bozar.be – www.bozar.be


17

Un volume sugli arazzi della Concattedrale di La Valletta

Si segnala il recente volume Woven Splendour: The Tapestries at the Conventual Church of the Knights of Malta di Cynthia De Giorgio, curatore della Concattedrale di San Giovanni Battista e del suo Museo a La Valletta, sul ciclo di arazzi donati dal Gran Maestro spagnolo Fra’ Ramon  Perellos y Rocaful (Valencia, 1635 – La Valletta, 1720), in carica dal 1697 al 1720, alla maggior chiesa dell’Ordine. I pregiati manufatti che raffigurano il Trionfo dell’Eucaristia, eseguiti a Bruxelles su disegno di Peter Paul Rubens, possono essere considerati una delle commissioni più emblematiche della Controriforma Cattolica.

Per maggiori informazioni: https://www.midseabooks.com


16

Arti decorative siciliane nel numero pasquale di Treasures of Malta

Si segnala l’uscita del numero di Pasqua 2017 della rivista Treasures of Malta, edita dalla FPM (Fondazzjoni Patrimonju Malti). Di seguito i contenuti principali:

ARTICLES

William Scamp: An appraisal of his architectural drawings and writings on St Paul’s Pro-Cathedral, Valletta

Conrad Thake discusses the history and stresses the importance of this British colonial architectural gem

My Favourite Object

Richard England

Ritual, Memory and Landscape of the Hospitaller-Maltese Island Order State: The Possesso of the Vascelli in 1705

Emanuel Buttigieg chronicles the events of some ships-of-the-line of the Order’s maritime fleet

The Church of the Virgin of Porto Salvo in Senglea: The architectural and sculptural patronage of the Oratorians

Christina Meli discusses the history of this church and elaborates on its intricate internal decoration

The Magic of Rattles

Anna Borg Cardona highlights the various functions and the longevity of these instruments

Melitensia Curios

William Zammit

Governor Sir John Gaspard Le Marchant: Malta’s most talented governor-artist?

Christopher Grech reveals a perhaps lesser-known aspect of this lieutenant-general’s legacy

The Memories of Roberto Mallia

Albert Ganado

Sicilian Glass Paintings in Ecclesiastical Collections

Roberta Cruciata

The Conservation of Villa Gourgion

Carmel Spiteri

Bookshelf

The Cover

Giovanni Bonello

Cultural Calendar

Cecilia Xuereb

Per ulteriori informazioni:

http://www.patrimonju.org/content.aspx?id=406545&subId=133955


At Home in Art Essays in Honour of Mario Buhagiar

buhagiar

Mercoledì 4 Gennaio 2017, alle ore 18.30, presso l’Auditorium, Old University Building, a La Valletta verrà presentato il volume At Home in Art Essays in Honour of Mario Buhagiar, curato da Charlene Vella.

Mario Buhagiar B.A.(Hons)(Lond.), M.Phil.(Lond.), Ph.D.(Lond.) è Professore presso il Dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università di Malta, da lui fondato. È autore di numerosi testi scientifici di storia dell’arte e archeologia, tra i quali si ricordano The Iconography of the Maltese Islands: Painting 1400-1900 (Malta 1987), The Late Medieval Art and architecture of the Maltese Islands (Malta 2005), The Christianisation of Malta – Christian Catacombs, Cult Centres and Churches in Malta to 1530 (Oxford 2007), Essays on the Knights and Art and Architecture in Malta 1500 – 1798 (Malta 2009), Essays on the Archaeology and Ancient History of the Maltese Islands: Bronze Age to Byzantine (Malta 2014).

Il volume, pubblicato da Midsea Books, contiene 39 saggi di accademici maltesi e non, tra i quali, nella sezione Design and decoration: fashion, manuscripts, precious metals, and wood, quelli a firma di Maurizio Vitella (Il reliquiario a statua di San Nicasio), Maria Concetta Di Natale (Gioielli tra Sicilia e Malta nell’età del Barocco: tipologie e stili di area mediterranea), Roberta Cruciata (Committenze ospitaliere  d’arte decorativa siciliana. Coralli barocchi e argenti rococò).


tom

Pubblicato il numero natalizio di Treasures of Malta

Si segnala l’uscita del nuovo numero della rivista trimestrale Treasures of Malta, edita dalla FPM (Fondazzjoni Patrimonju Malti). Di seguito i contenuti principali:

At Sea with Captain Michele Picasso in 1794
In this third instalment about corsairing escapades, Liam Gauci introduces us to one of the most active corsair captains on the Island in the last decade of the 18th century

Carmelo Mangion (1905-1997) and the Art of Etching
Sarah Chircop discusses the essence of etching through Mangion’s prints from the collection of the Malta Government School of Art

St John’s before Preti: The early years of the Conventual Church of the Order of St John in contemporary descriptions
Thomas Freller highlights the impressions of various scholars and travellers who visited this magnificent church from the late 16th century up to around the mid-17th century

My Favourite Object
Keith Sciberras

Art for Cruise Liners in Malta before the Second World War
Giovanni Bonello focuses on those pre-war artists who promoted Malta in their publicity for passenger liners

The Icon of Our Lady of Mellieha: A journey through the multi-disciplinary conservation project
Valentina Lupo and Maria Grazia Zenzani

Fra Don Fernando Alvarez de Toledo, Prior of Castille, in Malta
Robert L. Dauber gives us a succinct biography of this Spanish military personality and details his brief visit to the Island in 1566

A new attribution to the enigmatic Cassarino, and some reflections on his works
Eric Fenech Sevasta and Keith Sciberras present further clarifications regarding the oeuvre of this perplexing artist

Melitensia Curios
William Zammit and Theresa Vella

The Malta Private Archive Digitization Project undertaken by Fondazzjoni Patrimonju Malti in collaboration with the Hill Museum & Manuscript Library

The Cover

Fare clic qui per ulteriori informazioni.


sb

 “Snuff Boxes from Accessories to Objets d’Art”

Nuova mostra sulle arti decorative a Palazzo Falson

Fino al 26 febbraio 2017 Palazzo Falson Historic House Museum (Mdina),  in collaborazione con la Fondazzjoni Patrimonju Malti, ospita la mostra “Snuff Boxes from Accessories to Objets d’Art”, dedicata a preziose tabacchiere, circa 200 esemplari, provenienti per lo più da collezioni private di Malta, ma anche da musei e raccolte ecclesiastiche.

Le piccole scatole, di forma e decorazione varia, nelle quali si usava conservare il tabacco da fiuto, (foglie di tabacco ridotte in polvere mescolate con erbe aromatiche e spezie, come cannella e chiodi di garofano), divennero una moda soprattutto tra gli aristocratici nel tardo XVI secolo. Così tali oggetti ben presto cominciarono ad essere realizzati con metalli preziosi, in primo luogo oro e argento, e poi porcellana, smalti, avorio, madreperla, tartaruga e pietre dure.

Si tratta della sesta mostra di arti decorative, dopo quelle dedicate ai fischietti (2009), alle pipe (2010), alle boccette di profumo (2011-2012), agli acquarelli di Edward Lear (2014-2015) e agli orologi (2015-2016), frutto della sinergia tra la casa-museo di Mdina e la Fondazzjoni Patrimonju Malti con l’obiettivo di valorizzare diversi aspetti del ricco patrimonio storico-artistico delle isole maltesi.

Su gentile concessione di Francesca Balzan, curatore di Palazzo Falson Historic House Museum, di seguito una gallery nella quale è possibile ammirare alcuni degli oggetti in mostra.

“Snuff Boxes from Accessories to Objets d’Art”

PALAZZO FALSON HISTORIC HOUSE MUSEUM

VILLEGAIGNON STREET, MDINA

25 novembre 2016 – 26 febbraio 2017

Martedì – Domenica h 10.00 – 16.30

Ingresso gratuito

http://www.palazzofalson.com/

http://www.patrimonju.org/


Pubblicato il nuovo numero di Treasures of Malta

Si segnala l’uscita del nuovo numero (No. 66, Summer 2016, Vol. XXII No. 3) della rivista trimestrale Treasures of Malta, edita dalla FPM (Fondazzjoni Patrimonju Malti). Con l’acquisto della rivista, in omaggio una copia del catalogo della VICTOR PASMORE GALLERY a La Valletta.

Di seguito i contenuti principali:

ARTICLES

Malta and the Princely Saxonian Expedition to Africa: An in-depth look at the island’s artistic and archaeological treasures in 1732

Thomas Freller presents the impressions of a group of reputable scholars who visited Malta, then famed for its Terra Melitensis


Victor Pasmore (1908-1998): Personal Recollections

Richard England


Out at Sea with Captain Michele Cardona

Liam Gauci continues to fascinate us with his second account of another corsair captain operating at the end of the eighteenth century


My Favourite Object

Edgar Vella


The Valletta Drawbridge

Josef Aquilina outlines the history and analyzes the structure of the drawbridge that once graced Valletta’s main entrance


Recycled Seas of Parchment: A newly discovered portolan chart at the Notarial Archives, Valletta

Joan Abela and Theresa Zammit Lupi


Palazzo Messina and its History

Denise Micallef


From the Albert Ganado Collection


An Elusive Camocio Map

Joseph Schiro’ discusses an exemplar of this Siege map from the collection of Charles University in Prague


Malta: The war trophies of the First World War

Charles Debono discusses the war-trophy highlights belonging to the National Collection


Re-examining the Carasi pseudonym

Robert Thake


Melitensia Curios

William Zammit


The Cover

Giulia Privitelli


Bookshelf


Letter to the Editor


Cultural Calendar

Cecilia Xuereb
Per ulteriori informazioni:

http://www.patrimonju.org/content.aspx?id=406545&subId=133955


Intrecci preziosi Arti Decorative Siciliane a Malta 1565-1798 è il titolo del volume di Roberta Cruciata che indaga opere e artisti siciliani quasi totalmente inediti attivi nella terra dei Cavalieri nel periodo compreso tra il 1565, anno della fondazione di La Valletta, e il 1798, allorché Malta fu conquistata da Napoleone Bonaparte.

Interessanti figure di orafi e argentieri emerse da un’approfondita ricerca archivistica, e superbi manufatti quali argenti, coralli, alabastri, avori e ceroplastiche parte di collezioni pubbliche e private maltesi vengono studiati in relazione al più ampio contesto riguardante gli scambi artistici e culturali tra le due isole del Mediterraneo.

Il volume, con prefazione di Maria Concetta Di Natale, premessa di Mario Buhagiar e saggio introduttivo di Maurizio Vitella, è pubblicato come quinto volume dei  “Quaderni dell’Osservatorio per le Arti Decorative in Italia “Maria Accascina””, con il patrocinio del Dipartimento Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo e del Department of History of Art dell’University of Malta.


Le nature morte di Francesco Noletti in mostra

al Valletta Campus dell’Università di Malta

Dal 28 aprile all’8 giugno 2016 presso il Valletta Campus dell’Università di Malta si terrà una mostra interamente dedicata al pittore FRANCESCO NOLETTI (1611 ca. -1654) detto il Maltese, conosciuto anche come Francesco Fieravino, uno dei più significativi ed enigmatici artisti interpreti di nature morte nella Roma barocca.

Organizzata dal Dipartimento di Storia dell’Arte e curata dal Professor Keith Sciberras, l’esposizione presenta imponenti tele del Maltese in relazione all’opera dei suoi seguaci.

L’ingresso è gratuito.


Pubblicato il numero pasquale di Treasures of Malta

Si segnala l’uscita del nuovo numero (No. 65, Easter 2015, Vol. XXII No. 2) della rivista trimestrale Treasures of Malta, edita dalla FPM (Fondazzjoni Patrimonju Malti)

Di seguito i contenuti principali:

ARTICLES

Grand Prior Fra Gabrio Serbelloni: Co-architect of Valletta, 1566

Robert Dauber discusses the contribution of this outstanding military personality to the early planning of Valletta

Laparelli’s Dilemma: A brief analysis of Valletta’s urban design on its foundation

William Soler charts the topography of the Sceberras peninsula and evaluates the early progress of the city’s foundation

My Favourite Object

Emmanuel Azzopardi

An unrecorded 1783 prayer to ward off earthquakes

Robert Thake

Lady Flora Rawdon-Hastings and her Malta music portfolio

Anna Borg Cardona explores a fine collection of manuscript music with an indigenous Maltese folkloristic connection

Melitensia Curios

William Zammit

From the Albert Ganado Collection

Tales of the Maltese Corso: The corsairing exploits of Captain Giovanni Gera in the year 1794

In this first instalment of a three-part feature, Liam Gauci takes an in-depth look at a particular document relating to three corsair captains, located at the Notarial Archives in Valletta

A case study where professional conservation practice provides the key to the authentication of an original

Pierre Bugeja

The development of fine art offset lithography in Malta: The contribution of Eagle Press

Joseph Borg

Remembering Isabelle Borg (1959-2010)

Abigail Pace discusses highlights from the oeuvre of this pioneering female artist

Bookshelf

The Cover

Cultural Calendar

Cecilia Xuereb

Per ulteriori informazioni:

http://www.patrimonju.org/content.aspx?id=406545&subId=133955


Nuovi studi sull’architettura maltese del XX secolo

Si segnala la recente pubblicazione Maltese Architecture 1900-1970: Progress and Innovations di Mark G. Muscat, con introduzione di Denis de Lucca, edita dalla Fondazzjoni Patrimonju Malti.

Per approfondimenti sul volume, si veda:

 

http://www.patrimonju.org/content.aspx?id=405527&subId=133955


 

Conferenza “Le gemme di Carnevale. La Qarcilla e la Storia dell’oreficeria maltese”

Lunedì 15 febbraio 2016 alle ore 18:30, presso Dar-l-Ewropa (St Paul Street, n. 254) a Valletta, è in programma una conferenza di Francesca Balzan, curatrice di Palazzo Falson Historic House Museum a Mdina, dal titolo “The Gems of Carnival: the Qarcilla and Maltese Jewellery History”, organizzata dal Department of Maltese e dal Department of History of Art dell’University of Malta, in collaborazione con lo stesso Palazzo Falson Historic House Museum.

La conferenza sarà in inglese.

 

Per ulteriori informazioni, si veda la locandina:


Prorogata la mostra “Watches. From Timekeepers to Trendsetters

 

La mostra di orologi antichi “Watches. From Timekeepers to Trendsetters” organizzata da Palazzo Falson Historic House Museum (Mdina) in collaborazione con la Fondazzjoni Patrimonju Malti, curata da David Thompson, è stata prorogata fino a domenica 14 febbraio 2016.

Sarà visitabile presso la casa museo di Mdina dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 16.00. Ingresso gratuito.


Concluse le celebrazioni per i 450 anni dal “Grande Assedio” di Malta

Ha chiuso i battenti lo scorso dicembre la grande mostra “1565. The Great Siege of Malta Exhibition”, organizzata da Heritage Malta e da Malta Libraries e tenutasi presso il Grand Master’s Palace di Valletta (4 settembre – 6 dicembre 2015), evento di punta all’interno del fittissimo calendario di manifestazioni commemorative che hanno avuto luogo a Malta durante l’intero arco del 2015.

Per maggiori informazioni sulla mostra: http://www.heritagemalta.org/1565/the-exhibition/

Il percorso espositivo si è articolato intorno a più di 150 eterogenee opere d’arte (manoscritti, stampe, armi, oreficerie, argenti, parati, libri a stampa, etc.), provenienti anche da numerose istituzioni museali straniere, correlate all’assedio di Malta del 1565, noto come il “Grande Assedio”, che vide l’attacco dell’Impero Ottomano, deciso a conquistare Malta per eliminare l’Ordine ospedaliero di San Giovanni, e la strenua difesa dei Cavalieri guidati dal Gran Maestro Fra’ Jean Parisot de la Valette che obbligò gli Ottomani a desistere dopo ben quasi quattro mesi di scontri.

Tra le opere in mostra, accompagnate dal catalogo 1565. The Great Siege of Malta Exhibition (Grand Master’s Palace, Valletta, 4 settembre-6 dicembre 2015), eds. by E. Magro Conti, G. Vella, Malta 2015, figurava anche il dipinto della nobildonna toscana Leonora Cybo proveniente dalle collezioni di Palazzo Falson Historic House Museum di Mdina, olio su tela attribuito da chi scrive a pittore toscano della seconda metà del XVI (post 1560) – inizio del XVII secolo.

Leonora Cybo, infatti, nel 1549 sposò in seconde nozze Gian Luigi Vitelli detto “Chiappino”, valoroso condottiero di ventura, uomo di fiducia e ambasciatore del duca di Firenze Cosimo I de’ Medici, ma soprattutto grande protagonista dell’ultima fase del “Grande Assedio”, nota come “Gran Soccorso”, che lo vide, con il resto delle forze comandate dal viceré di Sicilia don García Álvarez de Toledo y Osorio, combattere sul suolo maltese e trionfare contro le truppe ottomane.

Per approfondimenti sul Ritratto di Leonora Cybo, si veda:

– R. Cruciata, Un inedito ritratto di Leonora Cybo nelle collezioni di Palazzo Falson a Malta, in Cinquantacinque racconti per i dieci anni. Scritti di storia dell’arte, a cura del Centro Studi sulla civiltà artistica dell’Italia meridionale ‘Giovanni Previtali’, I racconti di Efesto, 1, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli 2013, pp. 131-142. Clicca qui per il saggio.

– R. Cruciata, An enigmatic portrait of Leonora Cybo at Palazzo Falson, in “Treasures of Malta”, No. 57, Summer 2013, Vol. XIX No. 3, Fondazzjoni Patrimonju Malti, pp. 48-55. Clicca qui per l’articolo.

– F. Balzan, Portrait of Leonora Cybo (1523-1594), in 1565. The Great Siege of Malta Exhibition (Grand Master’s Palace, Valletta, 4 settembre-6 dicembre 2015), eds. by E. Magro Conti, G. Vella, Malta 2015, p. 132.

 


Preziosi objet d’art da collezioni private maltesi

Sull’ultimo numero (Anno 6 n. 12, Dicembre 2015) della rivista “OADI. Rivista dell’Osservatorio per le Arti Decorative in Italia” è apparso un articolo di Roberta Cruciata dal titolo “Maria-nuova Eva”: un’insolita iconografia per un’Immacolata Concezione alabastrina del XVIII secolo in cui l’autrice studia un’inedita scultura alabastrina di inizio XVIII secolo custodita in una collezione privata dell’isola di Malta. Si tratta di un’interessante testimonianza del successo e del perdurare della variante iconografica di “Maria-nuova Eva” nel corso dei secoli, e al contempo della sua trasversalità all’interno delle varie arti figurative europee.

Per accedere all’articolo cliccare qui

 

 


Pubblicato il nuovo numero della rivista trimestrale Treasures of Malta

Si segnala l’uscita del nuovo numero (Christmas 2015, Vol. XXII No. 1) della rivista trimestrale Treasures of Malta, edita dalla FPM (Fondazzjoni Patrimonju Malti)

Di seguito i contenuti principali:

ARTICLES

Giovanni Giulio Cassarino in Malta in the first half of the seventeenth century

Giuseppe Fiaccola offers clarifications and discusses new attributions relating to this ‘enigmatic’ artist

From the Albert Ganado Collection

Victor Pasmore in Malta

Theresa Vella outlines the artist’s life in art, focusing on the new gallery dedicated to his Malta years

The Beginnings of the Dobbie Portrait: Eric Kennington’s portrait of Lieutenant-General Dobbie

Christopher Grech and Caroline Miggiani present a portrait of a military personality by a British official war artist of both the First and Second World Wars

Through the Looking Glass: A set of table goblets at Palazzo Falson, Mdina

Norman Wilson studies a set of goblets within the collections at Palazzo Falson, and traces their manufacturer

My Favourite Object

Marlene Farrugia

Witty Caricatures by Pier Leone Ghezzi at the National Library of Malta

John Varriano discusses five brilliant drawings by this Italian artist who is said to have been Europe’s first professional caricaturist

Melitensia Curios

William Zammit

The Restoration of the Tombstone of the Knight Fra Don Cesare Lopez

Cynthia de Giorgio

A Tribute to Alfred Chircop

Charlene Vella eulogizes one of the most influential, abstract and spiritual artists of the Maltese Islands

The Malta Private Archive Digitization Project undertaken by Fondazzjoni Patrimonju Malti in collaboration with the Hill Museum & Manuscript Library

Bookshelf

Bonaventura Rubino’s Messa de Morti a’ 5 concertata, 1653

Cecilia Xuereb

Letter to the Editor

A subject index to the illustrations in Treasures of Malta, Vol. XXI

Paul Xuereb

Index: Treasures of Malta: Vol.XXI

The Cover

Cultural Calendar

Cecilia Xuereb

Valletta International Baroque Festival 2016

Back to Overview

Per ulteriori informazioni: http://www.patrimonju.org/content.aspx?id=403277&subId=133955


Nuovi studi sulle Arti Decorative maltesi tra Ottocento e Novecento

Si segnala una recente pubblicazione di Mark Sagona, Visiting Lecturer del Department of History of Art dell’University of Malta, inerente le Arti Decorative a Malta tra il XIX e il XX secolo. Il contributo, “Malta and the Renaissance Revival, Ecclesiastical decorative arts at the crossroads of Britain and Italy”, è apparso sull’ultimo numero (Journal 39 – 2015) della rivista della DAS The Decorative Arts Society: 1850 to the Present (London).

http://www.decorativeartssociety.org.uk/thejournal.html


“Watches. From Timekeepers to Trendsetters”

Antichi orologi protagonisti a Palazzo Falson

 

 

Dopo quasi un anno, riecco a Palazzo Falson Historic House Museum (Mdina) una mostra interamente dedicata alle arti decorative dal titolo “Watches. From Timekeepers to Trendsetters”, allestita dal 6 novembre 2015 al 10 gennaio 2016. Protagonisti assoluti gli orologi.

Si tratta di un evento organizzato in collaborazione con la Fondazzjoni Patrimonju Malti, curato da David Thompson, già senior curator del Dipartimento di Orologeria al British Museum di Londra.

Visitando la mostra, è possibile ammirare una selezione di più di 50 manufatti dal XVII al XIX secolo provenienti sia dalla collezione permanente di Palazzo Falson che da prestiti di collezioni private e pubbliche maltesi. Obiettivo del percorso espositivo quello di mettere in risalto le caratteristiche tecniche e storico-artistiche di tali preziosi oggetti, nonché la loro importanza nella storia del costume nel corso dei secoli.

Il museo, come già anticipato, non è nuovo a queste iniziative, realizzate sempre in sinergia con la FPM e a partire da un nucleo di opere che appartengono alla collezione permanente.
La prima mostra dedicata alle arti decorative risale, infatti, al 2009 (30 aprile – 21 giugno) e ha avuto come protagonisti antichi fischietti, più di 150 esemplari realizzati nei materiali e con le tecniche più disparate (“Whistles: from Ritual to Toys”). Curatrice dell’evento è stata Anna Borg Cardona.
Nel 2010 è stata la volta delle pipe, nell’esibizione “Pipes: from Habit to Art”, svoltasi dal 21 ottobre al 12 dicembre e curata da Francesca Balzan.
Grande successo ha riscosso “Scent bottles. From Ceremony to Seduction”, tenutasi dall’8 novembre 2011 al 31 gennaio 2012. Curata da Joseph Galea Naudi, con il coordinamento di Lisa Attard, ha esposto più di 250 boccette di profumo risalenti ad epoche diverse.
La mostra più recente, “Edward Lear: Watercolours and Words”, curata da John Varriano, si è svolta dal 18 ottobre 2014 al 4 gennaio 2015 e ha riguardato una selezione di acquarelli e versi dell’illustratore e scrittore inglese Edward Lear (Londra, 18 maggio 1812- Sanremo, 29 gennaio 1888).

Ma per scoprire qualcosa in più sull’evento attualmente in corso, si propone una breve intervista realizzata a Francesca Balzan, curator di Palazzo Falson Historic House Museum.

D: Could you tell us more about the artefacts on display in the Watch Exhibition?
R: The 2015 temporary exhibition at Palazzo Falson is the fifth in the series of shows which take as their starting point an artefact or collection at Palazzo Falson and build around it by loaning several other artefacts from Maltese private and public collections, to explore a particular theme in depth. This year’s exhibition is about antique watches, popularly called ‘fob’ or ‘pocket’ watches. Palazzo Falson has a small but varied collection of such watches, with some real treasures.

The exhibits, which number over 50 watches, some paintings featuring watches and other watch-related objets d’art, have been divided into thematic displays focusing on different subjects. Many of the watches on display date back to the 19th century but there are also a number of earlier ones, including one of the earliest watches we have found in Malta, made by Isaac Haas of Haarlem and dating to around 1690. This watch comes from the permanent collection of Palazzo Falson.

Most of the artefacts are either Swiss, English or French, reflecting the foremost centres of production of watches in Europe. Some of the watches have Maltese watchmakers’ names however it is believed that these watches were actually made in Switzerland on order by Maltese watchmakers who would have their names placed on the watch and would then retail these watches in Malta.

D: Which is your favourite watch in this display?
R: My favourite watch is the extremely rare decimal dial watch which is actually a highlight not only of the exhibition but also of Palazzo Falson’s permanent collection. This rare watch was made in Paris around 1797 by Robert Robin (1742-1799), reputedly King Louis XVI’s favorite clockmaker. It is distinctive for its decimal dial which was made to measure French Revolutionary time based on the decimal principle in operation in France from 1793 to 1806. The fact that its rather plain appearance hides such a particular period in history never fails to amuse me.

D: This is the 5th exhibition in a series mostly dedicated to the decorative arts that is organised by Pal Fal / FPM. How important are these events for the knowledge and study of the decorative arts in Malta?
R: This exhibition is one of a series of exhibitions, held over a few months on an almost annual basis at Palazzo Falson, and generally dedicated to a very particular area of the decorative arts. One of Palazzo Falson’s missions is to develop and encourage the study of the decorative arts in Malta and we do this in various ways. Our permanent collection is on display in a medieval home which provides good context to the understanding of how these artefacts may have been used and displayed in the home.

Secondly, we organise several events throughout the year that focus on art, history and the decorative arts to ensure that we make information and ground-breaking research accessible to the public and thirdly, these exhibitions give in-depth information about the particular area of the decorative arts that is being featured. Comparable pieces of that particular type of decorative arts are presented in a properly curated and professional presentation. In various instances this will be the only time many of the exhibits will ever be seen in public.

The preparations for the exhibitions take up to a year, during which we conduct research and acquire knowledge about the objects in question thus training our own staff in this very specialised area of the decorative arts. We benefit from the knowledge of and discussions with the guest curator – invariably an expert in this field (for example in the case of the present watch exhibition we invited David Thompson, retired curator of horology at the British Museum to curate our exhibition). We ensure that this information is properly presented and transmitted to the public by means of the exhibition itself as well as the catalogue which contains a detailed study relating to this topic and a full the list of exhibits.

In these ways, we believe we are helping to further build the corpus of knowledge on the decorative arts in Malta.

Su gentile concessione di Palazzo Falson Historic House Museum, di seguito due link attraverso i quali è possibile ammirare una galleria con alcuni degli oggetti in mostra e un video della mostra.

Galleria immagini

Video della mostra

“Watches. From Timekeepers to Trendsetters”
PALAZZO FALSON HISTORIC HOUSE MUSEUM
VILLEGAIGNON STREET, MDINA

6 novembre 2015 – 10 gennaio 2016
Martedì – Domenica h 10.00 – 16. 00 (Giorni di chiusura: tutti i lunedì, Natale e Capodanno)

Ingresso gratuito

http://www.palazzofalson.com/
http://www.patrimonju.org/